NUOVE CODICE DELLA STRADA : CICLISTI POSSO ANDARE ANCHE CONTROMANO - PARCHEGGI ROSA PER DONNE IN GRA

Un nuovo disegno di legge si prepara a innovare le regole stradali, in particolare per i ciclisti. Non dovranno più essere costretti a stare in colonna ai semafori, a respirare smog e inquinamento di ogni sorta. Avranno una corsia preferenziale debitamente segnalata. Potranno poi andare contromano nei centri abitati con velocità 30 km orari. E potranno anche circolare sulle corsie preferenziali, ora riservate ai taxi e agli autobus.

Sono molte le novità del disegno di legge, che riforma il Codice della strada, il cui testo è in queste ore in discussione in Commissione trasporti della Camera e si preannuncia come una piccola grande rivoluzione per gli amanti della bicicletta.

Come accennato, i poveri ciclisti abituati a farsi lunghe code al semaforo rosso, respirando i più neri e acri fumi dei carburanti auto e moto, potrebbero da qui a poco avere vita più facile. Nel disegno di legge in discussione infatti è previsto che chi è in sella su una bicicletta al semaforo debba avere a disposizione una sorta di spazio ad hoc, una striscia di arresto avanzata. Saranno i comuni a dover indicare una doppia linea davanti ai semafori e agli stop. In Olanda, dove si sa i ciclisti hanno tutta un’altra considerazione, è già realtà. In Italia potrebbe diventare una prima rivoluzione.

Sempre i ciclisti potranno inoltre transitare sulle corsie preferenziali, quelle che di norma sono riservate a taxi e autobus.

Parcheggi “rosa” e niente fumo in auto

Il testo prevede parcheggi “rosa” per le donne in gravidanza. Dovranno essere i Comuni a predisporli. Inoltre viene confermata per gli automobilisti la stretta sull’

uso dello smartphone alla guida e il divieto di fumare in auto in caso di presenza di bambini


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Lascia il tuo messaggio

Via di Boccea 447/a - 00166 - ROMA

​© 2016 F.lli Andreozzi.