Ecco il significato dei codici presenti sugli pneumatici


COSA SIGNIFICANO TUTTI I CODICI RIPORTATI SUI PNEUMATICI

1 - Senso di rotazione Senso di rotazione obbligato, nei pneumatici con intagli asimmetrici che prevengono l´aquaplaning solo se ruotano nella direzione corretta; questo implica che un pneumatico, montato su cerchione, non può essere impiegato su un lato diverso

2 - TWI - indicatore di usura (Tire Wear Index) In corrispondenza della sigla TWI si trova un indicatore di usura, un tassello che compare all´interno di una scanalatura principale del battistrada per indicare che si è raggiunto lo spessore minimo di legge. (limite di 1,6 mm per autoveicoli, Legge 142 Art. 66 del 18/2/92)

3 - Larghezza (Tire Width) Larghezza di un pneumatico misurata in millimetri da un fianco all'altro. Questo pneumatico è largo 185 millimetri

3 - Rapporto d'aspetto (Aspect Ratio) Indica il rapporto percentuale tra l'altezza e la larghezza di un pneumatico.

Esempio: 185/70 nel caso dell'esempio un rapporto 70 significa che la spalla della copertura è alta il settanta percento di 185 mm, cioè (185*70)/100 quindi 129,5 mm. Perché è così importante conoscere questo rapporto? Perché è il primo responsabile del confort e della tenuta in curva dei vostri pneumatici. Infatti, più questo rapporto si fa piccolo, più il fianco del pneumatico si abbassa. Questo comporta la diminuzione del confort del veicolo (che "ha meno gomma sotto") ma ne aumenta la tenuta in curva, poiché la parte che flette di più in curva è proprio il fianco della copertura, e quindi diminuendo questo diminuisce di conseguenza la possibilità che una parte del complessivo ruota/sospensione fletta a tutto vantaggio della tenuta, appunto. Viceversa aumentando la spalla del pneumatico aumenta la morbidezza della gomma ma ne peggiora la tenuta, aumentando quindi il comfort a scapito della sportività. Il pneumatico, inoltre, in funzione del rapporto L/H si definisce "ribassato" quando questo è uguale od inferiore a 45 e "superribassato" quando inferiore a 30.

3 - Tipologia (Tire Type) La coppia di valori sopra descritta (185/70) può essere preceduta da una o due lettere che definiscono per quale utilizzo è stato prodotto il pneumatico. Si troverà una P per indicare che è un prodotto per autovetture. Si troverà LT se è destinato a veicoli da trasposrto leggero.

4 - Costruzione (Construction) Indica come il pneumatico è stato assemblato. La lettera "R" indica una costruzione radiale, in cui le tele che avvolgono la carcassa corrono radialmente da un tallone all'altro. Una "B" indica una costruzione "bias", in cui le tele sono posizionate diagonalmente in senso alternato. R = pneumatico a struttura radiale ZR = pneumatico a struttura radiale utilizzabile a velocità superiore a 240 km/h B = pneumatico di tipo BIAS. 5 - TUBELESS La scritta TUBELESS (o la sigla TL) indica che il pneumatico può essere utilizzato senza camera d´aria.

6 - Data di fabbricazione Sul pneumatico è stampigliato un numero composto da quattro cifre, dove le prime due indicano la settimana e le altre due l'anno. Esempio: 0905 = nona settimana del 2005

7 - M + S M+S (o anche M/S, M&S, M.S) rappresentano le iniziali dei termini inglesi MUD + SNOW (fango+neve) e stanno a indicare che si tratta di pneumatico "per uso invernale", cioè particolarmente adatto per pioggia, neve sciolta, fango e basse temperature; di contro poco adatto per uso ad alte temperature ed sull´asciutto.

8 - Rinforzato (Reinforced) La dicitura "Rinforzato" o "Reinforced" indica una struttura rinforzata rispetto al tipo per autovetture, struttura che lo rende idoneo anche a veicoli merci leggeri.

9 - Run flat simbolo indicante che il pneumatico è di tipo "run flat", in grado cioè di funzionare anche sgonfio ad una velocità di almeno 80 km/h per una distanza di 80 km; in questo caso è presente anche la lettera F prima dell'elemento 11 (diametro del cerchione)

10 - omologazione marchio di omologazione, secondo Regolamento ECE-ONU (tipo a) oppure secondo la Direttiva 92/23 (tipo b); il numero dentro la cornice indica il Paese di omologazione, i numeri dalla terza cifra in poi fuori della cornice indicano il numero di omologazione

11 - Diametro del cerchio (Wheel Diameter) Rapprenta l'altezza del cerchio (diametro di calettamento) da un capo all'altro e viene espressa in pollici. Ricordiamo che per passare da misure in pollici a misure in mm. bisogna moltiplicare per 25,4.

quindi nel mostro caso: 14 pollici x 25,4 = mm.355,6

12 - Indice di Carico (Load Index)

Questo indice, utilizzando la tabella che segue, ci da il massimo carico possibile sostenibile dal pneumatico correttamente gonfiato.

13 - Codice di Velocità (Speed Rating) Indica la velocità massima raggiungibile dal pneumatico. Nel nostro esempio abbiamo T e quindi una omologazione per una velocità massima di 190 km/h.

DOT Indica che il pneumatico soddisfa gli standard di sicurezza richiesti negli Stati Uniti dal Department of Transportation (DOT). A fianco, vi è un numero seriale identificativo del pneumatico; una combinazione alfanumerica

UTQG Significa Uniform Tire Quality Grading, un sistema di misurazione della qualità sviluppato dall'US Department of Transportation (DOT). Per maggiori informazioni, leggi "Qualità di un pneumatico".

PNEUMATICI RICOSTRUITI Nei pneumatici ricostruiti deve essere apposta la marchiatura RETREAD e deve essere cancellato il marchio di omologazione originale ECE-ONU/UE, che viene sostituito da un marchio specifico che fa riferimento al Regolamento ECE-ONU n. 108.

Marchiatura ECE-ONU per pneumatici ricostruiti

INFINE RICORDA CHE la pressione di gonfiaggio va sempre regolata a pneumatico freddo per conservare inalterate le caratteristiche di comportamento di guida del veicolo, è consigliabile, ogni 10.000 Km circa, l'inversione dei pneumatici fra gli assi anteriore-posteriore, senza mai incrociarli


Post in evidenza
Post recenti